I tedeschi dicono no al TTIP

Stop TTIP2
Autore immagine: Mehr Demokratie; licenza immagine: CC BY-SA 2.0.

Sembra che la maggior parte dei tedeschi abbia ben compreso la pericolosità del TTIP per la società europea.

Infatti, secondo un sondaggio indetto dalla TV pubblica ARD, il 70% dei cittadini si è dichiarato fermamente contrario all’entrata in vigore del Trattato. Lo stesso sondaggio ha rivelato che solo il 17% della popolazione (totale) intravede dei benefici dall’approvazione del Partenariato.

A quanto pare, dunque, il Movimento della Stop TTIP Kampagne e organizzazioni come Greenpeace stanno facendo un ottimo lavoro nell’aprire gli occhi alla collettività sulle ripercussioni che l’approvazione del Trattato potrebbe avere sull’ambiente, sulla salute, sull’economia, sull’occupazione e sulla sovranità nazionale. Il movimento ha raccolto ben 3,3 milioni di firme contro il TTIP.

Intanto, la Merkel continua, con caparbietà, a portare avanti le sue tesi e ha dichiarato che intende firmare l’accordo entro quest’anno, prima delle elezioni Presidenziali degli Stati Uniti. Ma, dopo il no della Francia, queste affermazioni sembrano quasi una utopia, anche in ragione del fatto che molti Ministri del suo Governo (soprattutto socialdemocratici) hanno cominciato ad avere seri dubbi circa i benefici che il TTIP potrebbe portare alla Germania. I Ministri tedeschi sono timorosi soprattutto dell’arbitrato internazionale (che metterebbe la sovranità dello Stato in mano alle grandi aziende), ma anche delle ripercussioni sull’ambiente e sulla sanità.

Sembra, dunque, che il popolo europeo si stia svegliando (almeno sotto questo punto di vista); vogliamo sperare che anche gli Italiani comincino ad interessarsi seriamente alla questione, dopo il vasto rumore mediatico operato dalle associazioni e dagli attivisti.

 

Fonte:

Greenreport.it; il 70% dei tedeschi contrari al Ttip. Sondaggio della Tv pubblica Ard; pubblicato il 5/5/2016 [http://www.greenreport.it/news/energia/70-dei-tedeschi-contrari-al-ttip-sondaggio-della-tv-pubblica-ard-video/]

Precedente TTIP: Il golpe delle multinazionali Successivo La fine dell’Unione Europea è vicina?